Cremona Musica 2017: Ivry Gitlis e la forza del racconto

Dopo aver tenuto un diario di carattere tecnico come quello dal Busoni, dare lo spazio ad un diario dal carattere più narrativo e descrittivo non è semplice.

Ma qui siamo, a raccontare questo primo giorno di Cremona Musica 2017, negli ultimi momento di svacco in stanza, prima di rigettarsi nella mischia.

Le prime impressioni di Cremona Musica sono complesse: innanzitutto ti fanno male le orecchie. Immaginatevi tre padiglioni ampi, interamente riempiti di strumenti, gente e gente che suona gli strumenti. Contemporaneamente. Il premio lo vince comunque lo stand dedicato agli attrezzi di liuteria, con dimostrazione pratica di trapani su ciocchi di legno e timpani di passanti.

La seconda impressione è la sensazione di spaesamento. Cremona Musica è un po’ una Lucca Comics della musica classica ma senza i cosplayer (anche se i musicisti sono creature già sottratte al tempo di loro). Nonostante non sia sicuramente enorme come la fiera fumettistica lucchese, per un musicista è il paese dei balocchi: oltre agli strumenti si tengono appuntamenti costanti nei vari spazi, da concerti a lezioni, da workshop a presentazioni.


La terza impressione che arriva da Cremona Musica, infine, riguarda le persone. Intendo le persone che conosci in quest’occasione, di cui conosci le idee, i racconti e gli aneddoti, come Sandro Cappelletto e Leonard Bernstein, o le riflessioni sulla critica musicale con Gianluca Iavarone e Federico Capitoni o, per arrivare al titolo, il poter intervistare (anche se non è proprio il termine adatto) Ivry Gitlis. Non di una vera e propria intervista si è trattato, ma di una conversazione, che più che sulla musica, si è incentrata su tematiche interiori, come la solitudine, il rumore, i rapporti umani, anche traslati allo strumento, con il suo rifiuto di ogni etichetta e termine vuoto (“stile? cos’è lo stile? esiste?” o anche “approccio, io non ho bisogno di nessun approccio con il violino, non significa nulla”), questione che mi ha spiazzato, così abituato ad un diverso modo di vedere. Ma anche momenti buffi (“Alessandro, you look so much like a young man from the Romantic era” o anche “How old are you?” “24!” “Poor you!”) e occasioni di guardare negli occhi un uomo che nella vita ha visto tanto con uno sguardo veramente unico. L’intervista ad Ivry Gitlis uscirà fra qualche giorno su Amadeus online, e spero sinceramente di riuscire a rendere anche solo la metà di quanto ha comunicato.

Molti altri i momenti interessanti della giornata, come assistere alle masterclass dei docenti di Santa Cecilia completamente gratis, le riunioni della Media Lounge (di cui scriverò più avanti), le presentazioni di libri, festival, pianoforti che cambiano temperamento durante l’esecuzione…

Insomma, Cremona Musica è sempre un grande buffet, in cui venir trascinati per tre intensi giorni.

La mia prima Sagra

Può sembrare strano, ma fino a ieri sera non avevo mai assistito ad una Sagra della Primavera di Stravinskij dal vivo. Nemmeno per le celebrazioni del 2013, nulla, sempre e solo sentita in CD.

Cosa mi perdevo.

Vuoi che fosse l’occasione, non si ascolta Gergiev alla guida dell’Accademia di Santa Cecilia tutti i giorni, ma è stata sconvolgente. Al concerto io e Nino c’eravamo arrivati preparati, ascolti in treno con partitura alla mano, per vedere com’era scritto questo tanto famoso Sacre du Printemps, ma non sarei mai potuto essere preparato a sufficienza per quello che mi aspettava. Non sarei mai potuto essere preparato per la sconvolgente carica primitiva ed erotica che Gergiev ha saputo dare alla suite. Dalle raffinatezze timbriche ed ipnotiche ai momenti più barbarici, direttore e orchestra hanno colto tutto l’auditorio in un enorme amplesso.


Parlar di sesso e di musica insieme potrebbe sembrare poco adatto, ma quanto spesso si sottovaluta la portata erotica della musica che suoniamo ed ascoltiamo! Se c’è qualcosa che libera tensioni e sensazioni inesprimibili a parole e che vengono dal più profondo della mente, questa è proprio la musica, che condivide il suo tratto istintivamente disinvolto con uno degli impulsi più forti e pervasivi che ci siano. 


Il discorso non può valere per tutte le musiche, avendo la composizione e l’esecuzione quel tratto intellettuale e costruttivo che lo sottrae al carattere meramente fisico, ma forse che anche l’erotismo non sia costituito da idee oltre che gesti fisici? Nella sua ritualità tribale, tra adorazioni e sacrifici, la Sagra della Primavera riesce a cogliere la forma più schietta, la matrice più profonda e ferina dell’animo, scatenando l’orchestra in infinite nuances, trasfigurando gli strumenti nei loro timbri, così come le pulsioni sessuali trasfigurano i volti e mostrano colori mai visti negli sguardi.


Quei colpi di timpani e grancassa, quei movimenti ipnotici, quei cambi subitanei, quell’intensità sconvolgente. Lo sguardo torvo di Gergiev mi ha rivelato con una chiarezza allucinante ed allucinata l’immenso erotismo tribale scatenato da Igor Stravinskij, popolando la mia mente di immagini. Suono trasfigurato in movimento. Ascolto trasfigurato in tatto. 

Andate a sentire Gergiev sulla Sagra della Primavera, fosse anche solo per rimanerne sconvolti un istante soltanto.

(Crediti per le foto a Musacchio & Iannello e alla pagina FB dell’Accademia, fonti costanti di splendide foto dai loro magnifici concerti)